Salta al contenuto principale Passa a piè di pagina

L’aspetto Senior Living del mercato sanitario europeo continua ad attrarre nuovi capitali

alt=""

La forte domanda demografica e l'offerta limitata di opzioni pensate per i clienti sono i driver che muovono i capitali verso questo settore.


LONDRA/MILANO, 09 giugno 2021 - La componente dei volumi d'investimento europei destinata alle case di cura ha superato la negoziazione di asset di Senior Living per la prima volta in cinque anni durante il 2020 e nel primo trimestre del 2021. Tuttavia, nel lungo periodo, la crescita della domanda di maggiori opzioni Senior Living guiderà una maggiore quota di mercato degli investimenti proprio verso questi asset.

Si prevede che gli otto principali paesi europei esaminati in questo report vedranno gli over 65 arrivare a rappresentare il 25% della popolazione nazionale, arrivando a 21,7 milioni dal 2020 al 2035. Si parla di un numero maggiore dell'attuale popolazione complessiva di Londra o di quella di Parigi e dell'Ile de France, il che creerebbe una forza di mercato significativa da soddisfare che presto spingerebbe la domanda di varie forme di asset Senior Living.

LEGGI IL REPORT

Un mercato in crescita

Damian Harrington, Director e Head of EMEA Research, spiega: "Sappiamo che la comunità degli investitori continua a ramificarsi in una serie di asset alternativi e di nicchia in cerca di prodotto e reddito. Il comprovato equilibrio positivo a lungo termine tra rischio e rendimento del settore healthcare e Senior Living nei mercati più maturi come il Regno Unito, insieme alla significativa crescita della domanda di beni e servizi di assistenza creata dall'invecchiamento della popolazione, sta attirando una maggiore diversità di capitali verso questo settore. L'espansione della popolazione over 65 al 25% della nostra popolazione entro il 2035 è moltiplicata da alti livelli di ricchezza, creando una domanda per più opzioni di Senior Living".

Richard Divall, Head of Cross Border Capital Markets, EMEA commenta: "Man mano che i baby boomer entrano nella fascia d’età dei residenti del Senior Living si aspettano e desiderano strutture all'avanguardia che si concentrino sulla tecnologia e sulla rapida evoluzione dell'assistenza sanitaria. Le strutture per anziani che hanno uno spazio designato per le visite tele-mediche in loco con personale addestrato hanno maggiori probabilità di attrarre potenziali residenti rispetto alle strutture obsolete che non lo fanno. Stiamo vedendo un peso crescente di capitali dal Nord America, dall'Asia e dall'Europa che puntano a questo settore, anche se gli investitori sono cauti su alcuni rischi associati come l'obsolescenza, operatori finanziariamente deboli e un'ondata di domanda che rimane lontana 5-7 anni".

Silvio Sancilio, Head of Capital Markets, Italia, commenta: “Il Senior Living è al momento una delle asset class con il rapporto più sbilanciato fra offerta e domanda potenziale. Ciò ha a nostro avviso il potenziale di attirare sia investitori di lungo periodo, sia capitali Value Add per creare nuove strutture più moderne, efficienti e sostenibili. L’Italia ha visto fino ad oggi regolari deal di RSA e Healthcare, ma questi hanno rappresentato per loro natura una nicchia di investimento. Oggi, invece, il Senior Living ha il potenziale per diventare a tutti gli effetti un’asset class rilevante per le caratteristiche demografiche del nostro paese. Ovviamente, visto che parliamo di Operational Real Estate, questa previsione potrà considerarsi avverata solo quando ci sarà un numero significativo di operatori con track record e covenant di livello assoluto operativi nel nostro paese”.

Il mercato degli investimenti nel Senior Living

Il recente sondaggio Colliers Global Investor Survey ha rivelato che il 21% degli intervistati dichiara di essere interessato a investire in asset di Senior Living nel 2021. Finora nel 2021 i volumi di investimento nel settore sono aumentati da una media quinquennale di 2,3% al 3,8%. Sebbene i volumi di circa 7 miliardi di euro all'anno siano bassi rispetto ad altri settori, la natura opaca ed embrionale dell'healthcare come classe di investimento immobiliare dimostra che la segnalazione dei volumi delle transazioni è senza dubbio inferiore rispetto a ciò che sta accadendo sul campo.

Diversificazione dell’healthcare: squilibrio tra domanda e offerta di letti d’ospitale e di cura

Sebbene la domanda di investimenti per le strutture sanitarie primarie e secondarie sia più bassa, il settore beneficia anche di forti fattori di crescita. Nella maggior parte dei paesi, nell'ultimo decennio, è stata registrata una diminuzione del livello di fornitura nazionale di letti ospedalieri e di assistenza infermieristica, con operatori privati profit e non profit che hanno dovuto colmare il deficit. Solo nel Regno Unito, in Polonia e in Danimarca la stragrande maggioranza dei letti d'ospedale è fornita dallo Stato. In Germania, Francia, Spagna e Italia questo tasso scende a una media di circa 60% e vari investitori e operatori di queste nazioni stanno chiaramente diffondendo la loro sfera di influenza in tutto il continente. La crescita della spesa dei consumatori per l'assistenza sanitaria privata e l'assicurazione sanitaria privata continuerà a guidare la richiesta di range più ampi di asset di healthcare, dal momento in cui l'espansione della fornitura statale è destinata a rimanere contenuta. Questo creerà ulteriori opzioni d'investimento per gli investitori, anche se di natura più complessa e di nicchia.

Nel complesso, le caratteristiche di rischio e ricompensa a lungo termine del settore sanitario nel Regno Unito evidenziano l’attrattività di un settore sanitario più ampio per gli investitori. Data la necessità dello Stato di indurre maggiori livelli di coinvolgimento del settore privato per sostenere la crescente domanda di servizi e asset di healthcare e Senior Living, il volume degli investimenti si espanderà sicuramente in tutta Europa.

 

Colliers Italia

Colliers Italia ha raggiunto un’ottima posizione nel mercato italiano grazie ad una grande flessibilità e ad un approccio altamente professionale che le permette di fornire servizi “su misura” in relazione alle specifiche esigenze dei clienti. Grazie alle due sedi di Milano e Roma e ad un vasto network di collaboratori, Colliers è in grado di offrire servizi su tutto il territorio nazionale.  Maggiori informazioni su: @ColliersItaly e LinkedIn

Colliers

Colliers International (NASDAQ, TSX: CIGI) è una delle principali società immobiliari sia nella gestione degli investimenti sia nei servizi professionali. Con operazioni in 67 paesi, oltre 15.000 professionisti lavorano per massimizzare il valore delle proprietà immobiliari in favore di operatori del settore, proprietari e investitori.  Da più di 25 anni, un team dirigenziale di grande esperienza, genera rendimenti sugli investimenti degli azionisti a un tasso di crescita annuale di quasi il 20%. Con un fatturato annuo di oltre 3,0 miliardi di dollari (3,5 miliardi di dollari incluse le affiliate), e 40 miliardi di USD di patrimonio gestito, massimizziamo il potenziale dei beni immobili e acceleriamo il successo dei nostri clienti e collaboratori. Per maggiori informazioni su come acceleriamo il successo, visitare il nostro sito corporate colliers.com , Twitter @Colliers o LinkedIn.

 
Contatti per la stampa:
 
Barabino & Partners
Federico Vercellino
f.vercellino@barabino.it
Cell: +39 331/574.51.71

Related Experts

Simone Roberti

Head of Research

Milan

Simone, as Head of Research in Italy, analyses the Italian real estate market in order to support the different business lines. The aim is to support the clients' choices in their investment and disposal decisions through data, analysis and forecasts.

Moreover, various market reports are realised on the different products, asset classes and locations, also in collaboration with the other Colliers research departments.

Finally, Simone is a member of the “Performance Measurement & Benchmarking” INREV Committee since January 2016.

Scopri l'esperto

Silvio Sancilio

Head of Capital Markets

Milan

Silvio Sancilio heads the Capital Markets division for Colliers Italia and leads a team of professionals specialised in the Office, Living, Logistics, Hotel and Retail Asset Classes.

As a professional with over 15 years of experience in real estate, Silvio has consolidated experience in both the national and international real estate sector, having held important roles in Unicredit, where he managed a portfolio of over € 10 billion in 19 countries, and JLL Italia, where he headed the Office Capital Markets department. Over the years, he has worked on real estate transactions amounting to over € 8 billion, with particular mention going to the acquisition of Immobilien Holding in Austria and Monte Rosa 91, the sale of Melchiorre Gioia 22 and Torre Velasca in Milan and the “I Tolentini” complex in Rome.

Silvio Sancilio has a Degree in Architectural Engineering, followed by an MBA obtained in Italy and the United States.

Scopri l'esperto