MILANO, 26 Gennaio 2015 – Nel mercato europeo degli uffici Dublino è la città che ha registrato una maggiore crescita durante il secondo semestre del 2014. L’incremento ha raggiunto un massimo di 480,00 Euro per metro quadro all’anno, raggiungendo il  14,3 % di aumento in soli sei mesi, per una crescita complessiva di oltre il 21 % nel corso del 2014.

Il report di ricerca sul mercato degli uffici nel secondo semestre 2014 (Office Snapshot for H2 2014), elaborato da Colliers International, evidenzia anche incrementi nei canoni di locazione a Barcellona e Amsterdam, per circa il 2,9 %, e nella città di Madrid per il 2 %. Nonostante permangano difficoltà economiche in Italia, anche a Milano e Roma si sono registrate crescite nei canoni di locazione durante il secondo semestre 2014, per la prima volta, rispettivamente, dal 2011 e dal 2012.

Bruno Berretta, Senior Research Analyst di Colliers International, afferma: “A Madrid e Dublino i canoni di locazione degli uffici stanno crescendo molto, specie per quanto riguarda gli immobili localizzati nelle zone centrali a forte vocazione direzionale (Central Business District - CBD) e nei più prestigiosi centri direzionali. Per queste tipologie di immobile, si prevede un andamento positivo anche nell’anno 2015, e ci aspettiamo continui miglioramenti sulla scia della ripresa economica, con qualche incertezza per l’Italia dovuta all’instabilità politica ed economica”.

Paul Finucane, Business Space Director di Colliers International Irlanda, afferma: “L’economia a Dublino registra una lenta ripresa, dando luogo a una migliore percezione del mercato che, unitamente alla scarsa disponibilità di spazi prime nei CBD, sta determinando un aumento dei canoni di locazione.
La sfida, per i prossimi due anni, sarà riuscire a far fronte alla domanda attesa con la limitata disponibilità di spazi nella città.
Nel corso del 2014 il mercato è stato vivacizzato anche grazie alla rapida espansione dei colossi IT, come LinkedIn, Twitter, Facebook e Amazon. Continua, inoltre, la realizzazione di nuovi sviluppi immobiliari e la ristrutturazione di immobili esistenti. A Dublino l’attenzione è incentrata sul Docklands Strategic Development Zone, importante progetto di sviluppo che sarà in grado di soddisfare la domanda di spazi ad uso ufficio nel medio e lungo periodo. E’ per questo di fondamentale importanza che la costruzione inizi nel più breve tempo possibile.”

In altri paesi Europei la crescita economica non è omogenea e nel mercato degli uffici si sono generate quattro principali condizioni di mercato:

•    Mercato “Sotto pressione”: tale condizione investe parti dell'Europa meridionale e il confine orientale del continente. I canoni di locazione sono diminuiti a Mosca e San Pietroburgo in Russia e a Kiev in Ucraina nel corso del 2014. L'incertezza e la debolezza economica hanno portato ad un incremento di spazi vacant, che tenderà a protrarsi anche nel corso del 2015.
•    Mercato “In ripresa”: riguarda principalmente la Spagna, l’Irlanda e i Paesi Bassi, che stanno beneficiando della ripresa economica e di un certo ottimismo nella percezione del mercato da parte degli operatori.
•    Mercato “Stabile”: riguarda in particolare le città “Big Six” tedesche, Parigi e parte della Scandinavia. In Germania, i canoni prime sono aumentati durante il 2014 e toccano attualmente i più alti valori di mercato. Nonostante le condizioni più preoccupanti dell'economia francese, i canoni di locazione degli uffici nei CBD di Parigi sono rimasti invariati nel secondo semestre 2014, ma una spinta al ribasso rimane in atto in tutto il resto del mercato. Nella maggior parte dei casi, includendo Parigi e l’intera Germania, si prevede una stabilità dei canoni prime almeno nella prima parte del 2015.
•    Mercato “all’Avanguardia”: Segnali di crescita dei canoni di locazione degli uffici si stanno registrando in tutte le regioni del Regno Unito. Nel corso del secondo semestre del 2014 i canoni prime sono aumentati a Londra West End (+ 2,1%), London City (+ 8,3%), Manchester (+ 1,6%), Birmingham (+ 1,8%) e Bristol (+ 1,8%). Le previsioni indicano un ulteriore aumento dei canoni nei CBD nella maggior parte delle città per i prossimi 12 mesi, coerentemente con un continuo miglioramento del clima di fiducia da parte delle imprese.

Berretta continua “Nonostante il mercato della locazione sia ancora privo di vigore, i canoni di locazione degli uffici continuano ad aumentare rapidamente, soprattutto nei mercati in ripresa in cui l’incremento è stato guidato principalmente da una carenza di spazi disponibili di buona qualità, più che da una ripresa effettiva della domanda.”
Berretta conclude “Le buone prospettive per l’anno 2015 si basano sulla solidità dell’Eurozona e sul fatto che sia effettivamente impossibile uscire dall'Euro. Anche le economie europee più solide subiscono le ripercussioni di una crisi economica prolungata nei principali paesi partner. La politica potrà certamente contribuire a migliorare la percezione del mercato. Un quadro di crescita economica molto lenta rimane comunque lo scenario più probabile”.