Milano, 16 aprile 2014 – L’ultimo report di Colliers International sulle location retail più desiderate in Europa ha evidenziato che Old Bond Street a Londra si conferma la più costosa shopping street in Europa. Con i canoni prime che hanno oramai raggiunto gli € 908 mq/mese e la richiesta di spazi per flagship store che continua a superare la disponibilità, Old Bond Street può vantare canoni significativamente più alti di qualsiasi altra via in Europa, secondo il report Retail Snapshot di Colliers, società globale di consulenza immobiliare.   Ecco le 5 vie top in Europa che presentano i canoni più salati: Old Bond Street, London; Bahnhofstrasse, Zurigo; Champs Élysees, Parigi; Via Monte Napoleone, Milano e Stoleshnikov Lane, Mosca. 

Paul Souber, Responsabile Retail Central di Londra, ha dichiarato: “Londra è la location oggetto di desiderio per qualunque brand che aspiri a far parte del settore del lusso a livello internazionale. Al momento, la richiesta di location prime appare inesauribile, e anche  gli ultimi valori raggiunti nel mercato delle nuove locazioni, altissimi, non la dicono tutta su quanto forte sia la domanda.

“Quello a cui stiamo assistendo sono  retailer che pagano cifre altissime, si parla di canoni multi milionari, per assumere il controllo dei contratti già esistenti, oppure semplicemente per mettere piede a Old Bond Street. I canoni potrebbero essere già in linea con gli attuali parametri di mercato, sta di fatto che i retailer continuano a sborsare cifre incredibili per assicurarsi una vetrina nella via.”


Le 10 location top in Europa (€/mq/mese)

Old Bond Street, Londra          €908
Bahnhofstrasse, Zurigo            €649
Champs Élysees, Parigi            €583
Via Monte Napoleone, Milano   €580
Stoleshnikov Lane , Mosca       €511
Via Condotti, Roma                 €445
Rue du Rhône, Ginevra           €410
“Goldene U”, Vienna               €400
Kaufingerstraße, Monaco         €350
Tauentzienstraße, Berlino        €330
Königstraße, Stoccarda            €330


Commentando più in generale il panorama retail in Europa, Sean Briggs, Managing Director di Retail Agency in Europa a Colliers International, ha detto:  “I tempi della ripresa sono arrivati, diversi mercati in Europa hanno cominciato a registrare un cambio nei valori dei canoni prime fin dal primo trimestre del 2013.   La domanda di shopping location prime da parte dei retailer internazionali ha continuato a spingere la crescita, in particolare nelle top high street – Old Bond Street, Londra, Champs Élysees, Parigi e Stoleshnikov Lane, Mosca.  In Europa occidentale, accanto a Parigi e Londra, anche le high street di Monaco, Berlino, Stoccarda hanno registrato una risalita dei valori.” 

“Ci sono poi mercati che hanno registrato flessioni nei canoni prime, sempre relativamente  alle high street. Per esempio, nonostante l’impennata delle vendite e la forte domanda da parte di brand internazionali, Istanbul in Turchia ha visto significativi cali nei canoni prime. Il declino dei valori è da collegarsi al deprezzamento della lira turca rispetto all’euro e al dollaro. Abbiamo anche visto tendenze al ribasso nei canoni a Ginevra, un’ulteriore “correzione” in direzione di valori più ragionevoli a Rue du Rhône, e a Varsavia, dove i canoni prime delle high street sono leggermente calati e sono ora allineati con quelli dei centri commerciali.” 

Per quanto riguarda il mercato italiano, Eric Daguin, CEO Colliers Retail Italia, ha dichiarato: “L’hight street italiano continua a essere importante per i brand internazionali e la lotta per la conquista delle prime location è sempre più ardua. Milano, Roma, Firenze e Venezia si confermano location straordinarie per notorietà, visibilità e capacità di generare fatturato. I valori relativi ai canoni e ai rendimenti non subiscono grandi scostamenti e risentono dell’effetto Expo 2015.”

Highlights:
•    In Europa orientale, Sofia in Bulgaria ha visto l’incremento più significativo nei canoni prime high street (+48%). Questo rappresenta un ritorno ai livelli precedenti dopo il notevole declino che si era verificato nel passaggio tra il 2012 e il 2013.
•    I mercati retail di Mosca e San Pietroburgo hanno registrato un ulteriore crescita nei canoni high street, confermandosi forte la domanda da parte degli utilizzatori.
•    I canoni prime a Riga in Lettonia sono saliti, in particolare nelle high street. Il dato riflette la crescente domanda di unità retail che si registra nel mercato locale. Reserved, brand fashion polacco, è in procinto di aprire un nuovo store a maggio, mentre H&M e Next sono attualmente alla ricerca di spazi.

Rendimenti europei nelle high street: 
•    Il decremento più significativo nei rendimenti prime si è verificato a Kiev. La maggiore disponibilità di spazi retail e la forte crescita dei tassi d’interesse in Turchia hanno  fatto aumentare i rendimenti prime nella città di Istambul.
•    Tutti i principali mercati del Regno Unito hanno registrato una compressione dei rendimenti prime high street, tra ripresa economica e forte domanda da parte di investitori.
•    Un decremento nella disponibilità di asset prime insieme  all’evvenuta risalita dei canoni ha messo sotto pressione i rendimenti a Dublino.